Passa ai contenuti principali

Bhagavad Gita

Bhagavad Gita - "Il glorioso canto celeste del Signore". Un testo sacro fondamentale che descrive l'insegnamento di Sri Krishna al suo discepolo Arjuna. Sri Krishna rappresenta la Coscienza Suprema e Arjuna rappresenta l'anima che cerca.


La Bhagavad-ghita è considerato uno dei testi rivelati più antichi. Infatti la sua compilazione risale a circa cinquemila anni fa' per mano del saggio Vedavyasa, compilatore di tutti i Veda (scritture sacre dell`antica India). In realtà la conoscenza contenuta nella Bhagavad-ghita è da considerarsi talmente antica e universale da non poter essere datata storicamente. La Bhagavad-ghita è uno dei capitoli contenuti all`interno del più ampio poema storico intitolato "Mahabharata" definito anche il quinto Veda, dove Krishna stesso istruisce Arjuna sulla natura dell`anima, dell`azione (karma), dei differenti tipi di yoga (unione con l`assoluto) e dei tre fondamentali aspetti dell`Assoluto: Brahman (spirito onnipervadente che tutto contiene), Paramatma (aspetto atomico e localizzato in ogni essere) e Bhagavan (aspetto personale).

I grandi filosofi della metafisica occidentale attinsero a piene mani da questa fonte e da tutta la letteratura vedica. Kant affermò: "Questo poema esige il più alto rispetto", Schopenhauer dichiarò: "Si tratta dell`opera più istruttiva e sublime che esista al mondo…" o ancora Hegel scrisse: "Con la Bhagavad-ghita possiamo avere una chiara idea di quella che è la più praticata, ma anche la più elevata di tutte le religioni dell`India".

- Meditazione nel web » Risorse » Indice generale della Bhagavad Gita

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.