Passa ai contenuti principali

Aforismi Zen

La saggezza è come una sfera di fuoco. impossibile entrarvi da nessuna parte.
La saggezza è come un chiaro, fresco stagno, ci si può entrare da ogni parte.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Non limitatevi a memorizzare gli scritti, recitare le parole e discutere dello Zen come lo trovate nei libri.
La via Zen non è nei libri. Anche se riuscirete a recitare gli insegnamenti dell’intero Canone e di tutti i Maestri e filosofi, saranno solo inutili parole di nessun aiuto quando sarete di fronte alla morte.
(Maestro Chien-ju)

Nella mente del novizio ci sono molte possibilità, ma nella mente dell' esperto ve ne sono poche.
(Shunryu Suzuki)

L'illusione fondamentale dell umanità consiste nel supporre che io sono qui e tu sei lì.
(Yasutani Roshi)

Sostanzialmente, l'arciere mira a se stesso.
(Arte Zen del Tiro con l'Arco)

Alle volte, è preferibile per il vostro maestro essere mediocre, così non vi attaccate a lui.
(Shunryu Suzuki Roshi)

Qui fin dal remoto principio, c’è questa Sola Cosa, costantemente limpida e misteriosa, non è mai nata e non è mai morta. Non può esserle dato nome, né immagine.
Uno in Tutto, Tutto in Uno, se solo questo è compreso, nessuna preoccupazione di essere perfetti!
(Sosan)

Qualunque condizione in cui ti trovi, passerà come il tempo (atmosferico) che fa oggi. Cercare di mantenere quella condizione è come cercare di cambiare il tempo.
Tu, come la roccia, accetta il tempo in continuo cambiamento.
(Tykal)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.