Passa ai contenuti principali

Resurrezione - Aivanhov

"La resurrezione altro non è che una corrente di vita che attraversa regioni nelle quali, fisicamente o psichicamente, la malattia e la morte avevano iniziato la propria opera. Quanti fenomeni della natura possono darci un’idea di tale processo! Non solo il germoglio che spunta dal seme, ma anche il pulcino che esce dall’uovo, certi animali che si risvegliano dal loro sonno invernale, o la crisalide che si trasforma in farfalla, sono tutte immagini della resurrezione.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

E gli alberi?... Anch'essi resuscitano a primavera, con tutti quei rami neri e spogli che si coprono di foglie e di fiori: ecco ancora una resurrezione. E perché resuscitano? Perché non sono morti, perché la vita è sempre presente. Tutti questi fenomeni della natura hanno la loro corrispondenza nell’uomo. Fisicamente, psichicamente, ogni giorno l’uomo “muore” e resuscita. Quando in lui la vita si indebolisce, egli muore; quando essa torna da lui, egli resuscita. È come se un nuovo sangue circolasse nelle sue vene. È soltanto la vita, la vita divina, che ci resuscita, e occorre lavorare per ottenere quella vita."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.