Passa ai contenuti principali

Le chiavi per progredire velocemente sul sentiero spirituale - Roy Eugene Davis

Se vogliamo progredire velocemente sul sentiero spirituale, dobbiamo prestare attenzione a ciò che è essenziale per la realizzazione del Sé e minimizzare ciò che non lo è. In uno dei più antichi manuali di istruzione disponibili (gli Yoga Sutra di Patanjali) leggiamo: "Disciplina, studio, meditazione e fiducia assoluta nei confronti dell'infinito sono la via più veloce per la realizzazione di Dio.


Questo è un consiglio sempre valido che ci permette di seguire un percorso chiaro nella vita e di muoverci in maniera spedita nella giusta direzione - Roy Eugene Davis (tratto dal libro: "Studies in Truth" - CSA Press 1969 - Traduzione di Furio Sclano)

Keys to rapid progress on the spiritual path:

If we are to make rapid progress on the spiritual path, we must pay attention to the things which are essential to Self-Realization and minimize nonessential things. In one of the oldest manuals of instruction available, "The Yoga Sutras of Patanjali", we read: "Self-discipline, study, meditation and absolute reliance upon the infinite" is the fastest way to God-realization". This is never-changing advice as it enables us to set a clear course in life and move steadily ahead in the right direction - Roy Eugene Davis (taken from the book: "Studies in Truth" - Csa Press 1969)

- http://it.wikipedia.org/wiki/Roy_Eugene_Davis
- Center for Spiritual Awareness (pagina in italiano)
- Kriyayoga.it
Roy Eugene Davis - Amazon
- Tutti i libri di Roy Eugene Davis - macrolibrarsi
- Chi è Roy Eugene Davis

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.