Passa ai contenuti principali

Il mendicante cieco che suonava il violino - Aivanhov

"Un giorno Paganini scorse in una via un mendicante cieco che suonava il violino. Dal momento che nessuno gli aveva ancora dato nulla, si avvicinò, gli prese il violino dalle mani e iniziò a suonare. Ben presto le sonorità che egli traeva dallo strumento attirarono l’attenzione dei passanti: si formò un capannello e cominciarono a piovere monete.

Immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Quando Paganini ebbe terminato il pezzo, il piatto si era riempito. Egli rese il violino al mendicante e proseguì il suo cammino. Che gesto magnifico! Penserete: «Sì, ma Paganini era un virtuoso, e questo gli dava grandi possibilità! Noi, invece, non abbiamo né denaro né violino per aiutare tutti gli infelici che incontriamo sul nostro cammino». Può darsi, però avete il pensiero! Allora, fermatevi da qualche parte, concentratevi e proiettate sui passanti il vostro desiderio di donare. Accadrà che alcuni lo faranno per voi, e voi stessi avrete partecipato a quel dono. Non è indispensabile che siate voi a dare a chi ha bisogno di aiuto, ma potete fare in modo che il vostro amore si manifesti attraverso altri."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.