Passa ai contenuti principali

"Il karma non è un destino fisso" - Jon Kabat-Zinn

Spesso, sbagliando, si confonde il karma con la nozione di un destino fisso, ma è più simile a un'accumulazione di tendenze che possono bloccarci in particolari modelli di comportamento, che a loro volta danno luogo a ulteriori accumulazioni di tendenze di natura simile: non è obbligatorio essere prigionieri del vecchio karma. Questo è il modo in cui la consapevolezza cambia il karma: quando stai seduto, non permetti che i tuoi impulsi si traducano in azione. Almeno per quel momento li stai solo guardando.

Business woman meditating


Guardandoli, ti accorgi presto che tutti gli impulsi si presentano alla mente e passano via, che non hanno una vita propria, che non sono te, ma solo pensieri e che non devi per forza esserne condizionato. Non alimentando gli impulsi e non reagendo ad essi, arrivi a comprendere direttamente la loro natura di pensieri. Questo processo brucia realmente gli impulsi distruttivi nel fuoco della concentrazione, dell'equanimità e del non-fare. Nello stesso tempo, i pensieri e gli impulsi creativi non sono più spintonati via da quelli più turbolenti e distruttivi, ma sono invece nutriti nella misura in cui sono percepiti e conservati nella consapevolezza.

Jon Kabat-Zinn - Dovunque tu vada, ci sei già. Una guida alla meditazione - Tea pratica

Quando siamo presi dal vortice degli impegni, quando abbiamo la sensazione di non essere padroni di noi stessi e non riusciamo più a goderci le cose belle della vita, allora è il momento di fermarsi un istante e riconquistare quell’unico momento della nostra esistenza di cui disponiamo per vivere, crescere, sentire, amare, gioire: il presente.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.