Passa ai contenuti principali

L'ahimsa e il destino del pianeta Terra - John Snelling

Possiamo vedere che tutti e cinque i precetti (buddisti) implicano l'antichissimo principio indiano dell'ahimsa: non nuocere agli altri né a te stesso. Lo si può estendere all'ambiente, al mondo nel suo insieme e perfino allo spazio infinito. Niente, in effetti, cade al di fuori della sfera della nostra responsabilità morale.

Immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Per esempio, secondo la scuola di filosofia buddista Huayen, che fiorì nella Cina medievale, ogni nostra azione influisce sull'universo intero. I gravi problemi ambientali che affrontiamo ora sul pianeta Terra provengono dall'ignoranza di questo fatto. Tuttavia, curiosamente, proprio mentre cominciamo a vedere che cosa stiamo combinando e quanta sofferenza ciò porterà a noi e ai nostri discendenti, troviamo molto difficile cambiare le nostre abitudini. Tutti sanno che sarebbe meglio se ci fossero meno automobili, ma nessuno vuole rinunciare alla sua!

(John Snelling)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.