Passa ai contenuti principali

Il numero 8 - Omraam Mikhael Aivanhov

Il numero 8 è formato da due cerchi posti l'uno sopra l’altro, che si toccano in un punto. Il cerchio superiore rappresenta il mondo che è in alto, il cerchio inferiore il mondo che è in basso, e i due mondi sono in contatto tra loro. Nella raffigurazione del numero 8 – dove il cerchio inferiore è esattamente simmetrico rispetto al cerchio superiore – si può vedere rappresentato il principio enunciato da Hermes Trismegistus nella Tavola di Smeraldo: «Tutto ciò che è in basso è come ciò che è in alto, e tutto ciò che è in alto è come ciò che è in basso, per compiere il miracolo della cosa unica».

Figure astratte, meditazione

Il cerchio che è in basso è come quello che è in alto, ed essendo i due cerchi in comunicazione tra loro, compiono in effetti il miracolo di una cosa unica. È lo stesso concetto che si ritrova nel Padre Nostro, quando Gesù dice: «Sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra». Gesù auspica che il mondo superiore possa scendere nel mondo inferiore, affinché la terra sia un giorno l’esatto riflesso del Cielo. Così si compirà il miracolo dell’unità. Il Cielo, che è in alto, deve scendere sulla terra, e qui il termine “terra” sta a indicare anche gli esseri umani: la nostra missione è quella di collegare in noi stessi il Cielo alla terra e la terra al Cielo, manifestando nella nostra esistenza le qualità del Cielo."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.