Passa ai contenuti principali

La meditazione e' non fare - Jon Kabat-Zinn

"La meditazione è non fare. E' la sola attività umana, che io sappia, che non mira ad ottenere un risultato, bensì sottolinea semplicemente "l'essere ciò che già sei". Normalmente, siamo tanto occupati dal fare, dal cercare di ottenere, dal pianificare, dal reagire, che quando ci fermiano ad ascoltare semplicemente noi stessi, dapprima la cosa ci sembra molto strana." (Jon Kabat Zinn)


(John Kabat Zinn, medico statunitense di origine indiana, è stato il fondatore (25 anni fa) e direttore della Clinica per la riduzione dello stress, presso l'Università del Massachusetts e professore nel dipartimento di Medicina preventiva e comportamentale. E' autore di numerosi testi, tra i quali "Dovunque tu vada, ci sei già", "Riprendere i sensi", "Vivere momento per momento". Oltre 17.000 pazienti hanno seguito in questi anni il programma per la "riduzione dello stress in otto settimane". Il suo metodo (Mindfulness) è la traduzione pratica e sperimentale, negli ospedali e nelle cliniche, della meditazione "Satipattana" e dei contenuti "Vipassana", insegnati, in origine, da Gotame Buddha)

- Jon Kabat-Zinn - Macrolibrarsi
- Jon Kabat-Zinn - Amazon

Commenti

  1. Io suggerisco che la meditazione è una qualità "femminile" dell'essere. :)
    Namasté

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.