Passa ai contenuti principali

A proposito di abusi

Uno degli aspetti più emblematici e al contempo oscuri e terrificanti della cosiddetta civiltà religiosa occidentale è l'abuso. Oramai le notizie sulla pedofilia clericale - cioè di uno sparuto, per fortuna molto esiguo, numero di preti - si susseguono pressoché di continuo. Gli organi di stampa, pur di attirare l'attenzione dei lettori, o elemosinare la vendita di qualche copia in più amplificano e deformano i messaggi proponendo titoli che alterano, di fatto, l'obiettività della comunicazione.


Il problema è che la maggior parte dei lettori si limitano o restano impressionati dalle battute introduttive. Proprio quelle elaborate in modo più distorto, tanto accattivanti quanto ambigue. Il risultato finale è praticamente scontato. Il disgusto coglie i lettori e apre loro gli occhi su una verità - relativa - che non esiste.

Quindi, sia chiaro, un conto è dissentire nei confronti di una religione che impone - specialmente ai più innocenti - una dottrina così fantasiosa quanto pagana (idolatra) senza poi esser davvero in sintonia nemmeno con i più elementari principi del Vangelo che predica. Vedi, ad esempio, il suo incredibile patrimonio immobiliare. Ben altro screditarla complessivamente sulla base di poche insulse pecore nere. Ma tant'è, chi di dottrina ferisce ...

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.